Men¨ principale

Men¨ principale

Men¨ principale



Torna alla pagina iniziale

Tequila & Boom Boom
recensione
"Il selvaggio west visto dagli occhi di una lince e di un orso bruno"

Ennesimo gioco dell'italianissima Dynabyte, abbiamo assistito all'evoluzione (in termini qualitativi) di questo gruppo tramite altre due AG: Nippon Safes Inc., The Big Red Adventure. Questa Ŕ la loro ultima fatica per quello che riguarda le avventure in senso classico.

"Nel 1995 la DYNABYTE produce TEQUILA & BOOM-BOOM, un ulteriore passo avanti verso il cartone animato interattivo. In questo nuovo prodotto la risoluzione grafica Ŕ stata portata addirittura a 800x600x256 colori, avvicinando ulteriormente la resa su monitor a quella del grande schermo. Le animazioni del gioco, a differenza dei precedenti prodotti e della concorrenza, sono state progettate e disegnate esattamente come in un cartone animato. L'introduzione del parlato e di lunghe e spettacolari sequenze animate fa di questo gioco un prodotto non pi¨ collocabile semplicemente nel ramo degli adventure-game. Il giocatore si trova a fare i conti non solo con puzzle ed enigmi, ma anche con prove di abilitÓ tipiche del vecchio west (prendere al volo un boccale di birra lanciato dal barista sul bancone o colpire in aria una monetina con la propria "Colt").
L'ambientazione Ŕ quella degli spaghetti-western con la coppia Terence Hill e Bud Spencer, artefici di tante riuscitissime commedie basate sulle scazzottate inverosimili e tanta simpatia. Ma con tutti i personaggi animalizzati alla Walt Disney. Lo scenario Ŕ quello di una classica cittadina di frontiera, che nei film western Ŕ generalmente oppressa dalle angherie di un signorotto, che fa il bello ed il cattivo tempo. Impossibile per Tequila (Terence Hill digitale, con le sembianze di una lince) restare impassibile dinanzi ai torti subiti dalla bella Melissa. Insieme al suo inseparabile amico Boom-Boom (Bud Spencer sotto le spoglie di un orso bruno) dovrÓ sconfiggere il cattivo di turno, il coyote Mr. Vyle."

Gioco per Windows, avventura in terza persona, inventario combinabile, dialoghi interattivi, pixel hunting assistito ed interfaccia pop-up.

DOWNLOAD RIMOSSO
Note sulla versione: proponiamo l'immagine ISO del CD originale, una volta scaricati i pacchetti e lanciato il converter, otterrete un file zip che contiene l'ISO, una volta scompattato il file potrete utilizzare l'ISO con il vostro programma di masterizzazione. Si consiglia di abbasare la profonditÓ dei colori a 256 tramite il pannello di controllo di Windows.

Le citazioni non mancano, ecco a voi "Via col vento"

Confezione e Manuale: 5,5
Confezione curata e manuale striminzito.

Grafica: 7
Si assesta su livelli molto alti, i fondali sono stati disegnati a mano, acquisiti e ritoccati in digitale sfruttando ottimamente i 256 della risoluzione 800x600. I personaggi animati sono invece resi con soli 32 colori, mancano di qualche frame di animazione e hanno una risoluzione leggermente inferiore.

Sonoro: 6
I temi alla "S. Leone" non mancano ma il mixer audio funziona molto male alternando perduranti silenzi ad improvvise impennate del volume. Ottima la qualitÓ del doppiaggio anche se malamente sincronizzato con le animazioni e privo di ritmo narrativo

Interfaccia: 6
Scomoda e macchinosa, ma abbastanza semplice da usare. La gestione dell'inventario Ŕ molto intuitiva.

LongevitÓ: 6
Dura il giusto ma si pu˛ restare bloccati se non si compiono alcuni passi chiave al momento giusto. Irritanti i sottogiochi arcade anche perchŔ implementati con incuria.

Trama: 5,5
I personaggi simpatici, le battute di spirito e la cura dei dialoghi riesce abilmente a coprire una trama caratterizzata da una certa pochezza. Vorrete finirlo.

Enigmi: 5
Nulla di impossibile, alcune fasi pseudo-arcade si riveleranno pi¨ ostiche dei puzzle stessi. Abbordabili.

Conclusione:
Un'altra raritÓ tutta italiana. Realizzato con cura e grande sforzo tecnico, Tequila & Boom Boom rappresenta un pezzo che non pu˛ mancare agli amanti del genere. Un'avventura sincera e moderna che si aggiunge alla lista dei successi delle software house nostrane.

Voto 6