File CONFIG.SYS


Il file CONFIG.SYS il primo file di configurazione che viene caricato all'avvio del sistema. Esso permette la configurazione delle periferiche del computer. In esso sono contenute, tra le tante, le istruzioni di caricamento di quei driver che possono essere lanciati solo ed esclusivamente all'avvio del computer: tra questi e' compreso anche il gestore di memoria.

Per poter sfruttare al meglio la memoria convenzionale, bisogna lasciar caricare al file CONFIG.SYS solamente driver e TSR veramente essenziali. Fondamentalmente si tratta di gestori di memoria, unita' CDROM, ed interfaccia CDROM.

Ecco un esempio di file CONFIG.SYS con i comandi essenziali (in corsivo i parametri personalizzabili), tenendo presente che questi potrebbero comunque variare in numero e tipologia da sistema a sistema::

Istruzione: Descrizione:
DEVICE=HIMEM.SYS carica il gestore della memoria alta e di quella superiore (estesa o espansa);
DEVICE=EMM386.EXE /parametro attiva la memoria superiore come XMS o EMS;
DOS=HIGH,UMB carica il sistema operativa nella memoria alta;
BUFFERS=nn determina la quantita' di buffer del disco fisso;
FILES=xx determina il numero di file aperti gestibili contemporaneamente dal sistema;
INSTALL=SHARE.EXE /L:n /F:m carica il gestore dei file condivisibili e protetti del disco fisso;
DEVICEHIGH=cd.sys /d:nome_cd1 carica nella memoria alta il driver dell'unita' CDROM
DEVICEHIGH=DBLSPACE.SYS /MOVE sposta il gestore delle unita' compresse con DoubleSpace in memoria alta;
DEVICEHIGH=DRVSPACE.SYS /MOVE sposta il gestore delle unita' compresse con DriveSpace in memoria alta.

Tenete conto dei seguenti punti:

ATTENZIONE: il parametro /NOEMS attiva la memoria di tipo XMS mentre il parametro /RAM AUTO attiva la memoria di tipo EMS, ad esempio per attivare la memoria di tipo EMS:

DEVICE=EMM386.EXE /RAM AUTO

BUFFERS=10

anche se alcune applicazione richiedono almeno un valore pari a:

BUFFERS=20

N.B.: non assegnando nessun valore il sistema gestisce automaticamente l'opzione in base alla memoria disponibile.

FILES=20

ma molti programmi richiedono almeno un valore pari a:

FILES=30

talvolta addirittura

FILES=40

INSTALL=SHARE.EXE /L=500 /F=5100

Se il sistema non richiede il gestore SHARE si puo' risparmiare un po' di memoria scartando questa opzione. Per fare cio' basta porre un comando REM davanti all'istruzione in modo che questa non venga processata durante l'avvio del sistema, ad esempio:

REM INSTALL=SHARE.EXE /L:n /F:m

DEVICEHIGH=nome_drv.sys /d:etichetta

Dove nome_drv.sys e' il nome del driver dell'unita' CDROM, d la lettera ed etichetta il nome assegnati all'unita'. Se il file CONDIG.SYS presente sul vostro disco fisso presenta una tale stringa, trascrivete tale istruzione anche nel file CONFIG.SYS del vostro dischetto boot.

ATTENZIONE: la stringa successiva all'istruzione /d: (cioe' l'etichetta, nell'esempio nome_cd1) deve corrispondere alla stringa che segue la variabile che lancia il gestore dell'unita' CDROM (MSCDEX.EXE) nel file AUTOEXEC.BAT oppure DOSSTART.BAT (vedi anche le documentazioni AUTOEXEC.BAT cliccando qui e DOSSTART.BAT cliccando qui) e deve contenere esattamente 8 caratteri alfanumerici, ad esempio:

DEVICEHIGH=CD.SYS /D:CDROM_01

Si puo' risparmiare ancora un po' di memoria tralasciando il driver dell'unita' CDROM quando questa non serve. Per fare cio' basta porre un comando REM davanti all'istruzione in modo che questa non venga processata durante l'avvio del sistema, ad esempio:

REM DEVICEHIGH=CD.SYS /D:CDROM_01

Le istruzioni DEVICE e DEVICEHIGH permettono al sistema di caricare in memoria diversi driver per periferiche. La differenza tra le due istruzioni che la prima (DEVICE) carica i driver nella memoria convenzionale mentre la seconda (DEVICEHIGH) carica i driver nella memoria alta (se attivata). Appare ovvio che, per risparmiare memoria convenzionale, fatta eccezione per HIMEM.SYS e EMM386.EXE, tutti i driver dovrebbero venire caricati in memoria alta sfruttando l'istruzione DEVICEHIGH.

N.B.: se i file specificati dalle stringhe DEVICE, DEVICEHIGH ed INSTALL non si trovano nella stessa unita' e nella stessa cartella del file CONFIG.SYS e' necessario indicare l'unita' e la cartella di destinazione secondo la sintassi

istruzione=d:\percorso\nome_drv (dove d = unita'), ad esempio:

DEVICEHIGH=C:\DRIVERS\DISPLAY\PANNING.SYS

Per vedere un file CONFIG.SYS d'esempio clicca qui.