File AUTOEXEC.BAT


Il file AUTOEXEC.BAT è un batch file di configurazione che viene automaticamente eseguito (se presente) all'avvio del computer/sistema subito dopo il file CONFIG.SYS. Tramite esso si possono specificare sia le variabili dell'ambiente in cui il sistema operativo dovrà operare (percorsi di default, ecc.) sia caricare quei programmi che si utilizzano ad ogni sessione di lavoro ma che non necessitano di essere caricati tramite il file CONFIG.SYS (poiche' si possono lanciare in un momento qualsiasi della sessione di lavoro e non necessariamente all'avvio). La differenza principale, pero', sta nella possibilita', tramite l'AUTOEXEC.BAT, di caricare questi programmi nella memoria alta mentre dal prompt di DOS cio' non sarebbe possibile. Appare evidente, quindi, che caricare il maggior numero di programmi TSR nella memoria alta tramite il file AUTOEXEC.BAT puo' risultare molto vantaggioso in termini di memoria convenzionale "risparmiata".

Ogni computer, a seconda delle periferiche installate e delle proprie esigenze, presenta quindi un file AUTOEXEC.BAT potenzialmente diverso (ma simile) a qualsiasi altro. Ma bisogna anche considerare che, poiché per la maggior parte dei videogiochi servono essenzialmente "solo" 2 periferiche (3 se si considera pure l'unità CDROM), e cioé mouse e scheda audio, si può ricondurre il "perfetto" file AUTOEXEC.BAT ad un file simile per la maggior parte degli utenti. È facile intuire che più programmi "inutili" vengono caricati all'avvio del sistema, meno risorse (memoria) il sistema stesso avrà a disposizione.

Per poter configure la memoria disponibile in maniera ottimale, quindi, bisogna caricare solamente driver e TSR veramente essenziali. Fondamentalmente si tratta di gestori di memoria, unita' CDROM, mouse e scheda audio.

Ecco un esempio di file AUTOEXEC.BAT con alcuni comandi essenziali (in corsivo sono trascritti i parametri personalizzabili), tenendo presente che questi potrebbero comunque variare in numero e tipologia da sistema a sistema:

Istruzione: Descrizione:
SET SOUND=C:\dir indica al sistema operativo il percorso relativo ai driver della scheda audio (solo nel caso di una scheda audio tipo Sound Blaster ed alcune compatibili);
SET BLASTER=Annn Ix Dy Pzzz variabile che indica ai programmi che lo richiedono i settaggi delle scheda audio tipo Sound Blaster o 100% compatibili;
N.B.: aggiungere i settaggi Hz Eppp e Tm nel caso di schede audio con supporto MIDI tipo la Sound Blaster AWE 32 o 64
SET CTCM=C:\dir indica al sistema operativo il percorso relativo al gestore Plug and Play di una scheda audio Creative PnP (ad es. Sound Blaster AWE 32 o 64);
SET MIDI=SYNTH:1 MAP:E MODE:0 indica al sistema operativo i settaggi MIDI di una scheda audio con tale supporto (ad es. Sound Blaster AWE 32 o 64);
SET MOUSE=C:\dir indica al sistema operativo il percorso relativo ai driver del mouse (solo nel caso di alcuni mouse);
LH mouse_drv.est istruzione per caricare il driver TSR del mouse in memoria alta;
LH SMARTDRV.EXE v w carica il driver di gestione della cache e del doppio buffering;
LH MSCDEX.EXE /d:nome_cd1 istruzione per caricare il gestore della unita' CDROM ed assegnarli la lettera specificata nel file CONFIG.SYS (vedi).

Durante la creazione del vostro file AUTOEXEC.BAT sarà quindi necessario inserire solamente le istruzioni "corrette" per il vostro sistema e, più specificatamente, bisogna tenere conto dei seguenti punti:

N.B.: Anche se la vostra scheda audio non necessita di tale variabile, e' consigliabile aggiungerla poiche' alcune applicazioni (videogiochi) la richiedono.

Ricordarsi di aggiungere i settaggi relativi alla vostra scheda audio alle voci A (Indirizzo, o Porta, di solito 220 o 240), I (IRQ, di solito 2, 5 o 7), D (DMA basso, di solito 0, 1 o 3) e P (porta MPU-401, di solito 300 o 330). Solo nel caso di schede audio Sound Blaster AWE 32 o 64 non scordarsi di aggiungere i settaggi relativi alle voci H (DMA alto), E (porta AWE, Adwanced Wave Effects, di solito 620) e T (identificativo tipo di scheda, 6 per la Sound Blaster AWE 64), ad es.:

SET BLASTER=A220 I5 D0 P300 H1 E620 T6

LH SMARTDRV.EXE 1024 256

Si puo' risparmiare un po' di memoria tralasciando tranquillamente questo gestore. Per fare cio' basta porre un comando REM davanti all'istruzione in modo che questa non venga processata durante l'avvio del sistema, ad esempio:

REM LH SMARTDRV.EXE 1024 256

ATTENZIONE: la stringa successiva all'istruzione /d: (e cioe' l'etichetta assegnata all'unita' CDROM, nell'esempio nome_cd1) deve corrispondere necessariamente alla stringa che segue il nome del driver dell'unita' CDROM nel file CONFIG.SYS (si legga anche il documento CONFIG.SYS raggiungibile cliccando qui). Tale etichetta deve essere esattamente di 8 caratteri alfanumerici. Ad esempio, la seguente istruzione carica il gestore per l'unita' D: dall'etichetta "cdrom001":

LH MSCDEX.EXE /D:CDROM_01

Anche in questo caso si puo' risparmiare ancora un po' di memoria tralasciando il gestore dell'unita' CDROM quando questa non serve. Per fare cio' basta porre un comando REM davanti all'istruzione in modo che questa non venga processata durante l'avvio del sistema, ad esempio:

REM LH MSCDEX.EXE /D:CDROM_01

Per vedere un file AUTOEXEC.BAT d'esempio clicca qui.